29 settembre 2008

festa di famiglia 2008

Ieri c'è stata la festa della famiglia Marrè Brunenghi: ogni anno, l'ultima domenica di settembre, la grande famiglia (siamo più di 100) si riunisce a Celle Ligure, per festeggiare l'anniversario di matrimonio dei miei nonni, nel lontano 1929, e di conseguenza la nascita del nostro ceppo familiare.

In cosa consiste? Ci si ritrova alla Messa delle 11,00 (ebbene sì, siamo una famiglia di forte impronta cattolica), poi ci si trasferisce sulla spiaggia dove i più valorosi fanno il bagno, se il tempo lo consente.
E già lì si hanno i primi segnali di che tipo di famiglia siamo: avete presenti i caciaroni rumorosi che rompono le balle? Aggiungetegli il sorriso stampato in faccia e una perenne tendenza a prendere e a prendersi per il culo e ci siamo.

Ma il meglio di se', la famiglia Marrè lo dà nella fase 3: il pranzo.
Si va tutti a casa dello zio Carlo (il più grande dei fratelli MB) dove si rispetta la formula "ognuno-porta-qualcosa", ma soprattutto dove vige la regola "chi prima arraffa, mangia di più".
Quando la zia Marta (moglie dello zio Carlo) porta la pasta in tavola c'è un assalto di piatti-forchette-spingi-anch'io-lui l'hai già presa-non è vero che fa sembrare gli Unni dei timidi Lord inglesi.
Ripeto: tutto questo ridendo e scherzando, sia ben chiaro. Ma la scena è da galeotti tenuti a dieta per un mese.
E se pensate che un atteggiamento del genere vi disgusterebbe, dovreste vedere cosa succede quando vengono portati i dolci (tipo il Salame al Cioccolato) dove il numero di fette è limitato. Apriti cielo.
E quando Laura (moglie di Lorenzo ed ottima cuoca) fa la panna cotta? Ancora peggio.

Dopo il tormentato pranzo, si torna sulla spiaggia per una partita a calcio o, come ieri, per una partita a biglie.
Per tracciare una pista sufficientemente adatta a contenere il numero di biglie, di solito si usa Matteo, che è uno dei cugini più piccoli. Solo di età, è chiaro: perché di stazza sarà alto almeno un 1,85 e pesa non meno di 100 chili.
Per tirarlo ci vogliono una persona per gamba e a metà percorso bisogna darsi il cambio con altri due.
La costruzione della pista occupa una buona mezz'ora.
La gara invece è un continuo di spinte, accuse di baro e scherzi atti a far sbagliare l'avversario e dura fino a quando qualche mamma non dice "dai, che dobbiamo andare". Allora automaticamente quello in atto diventa l'ultimo giro.



Beh, questo è un assaggio di quella che è la nostra festa.
Visti da fuori, dobbiamo essere alquanto originali, per usare un eufemismo.
Ma a me piace così. E mi piace pure tanto.

4 commenti:

::*ilaria*:: ha detto...

E perchè non faccio di cognome Marrè Brunenghi?
Che sfiga!

zesitian ha detto...

ih ih ih. viva, viva!
paci

dria ha detto...

Per non parlare della gente con l'intero braccio dentro la pentola a raschiare via le "fregugge" e quel che rimane del sugo...
Oppure dei professionisti del posizionamento, rivettati a bordo tavolo ben prima che arrivi da mangiare.

calimero ha detto...

attenti marre' brunenghi e' tornato dorelik!!!!!