03 maggio 2012

reclusi dalla pioggia

Si prospettava un bel ponte da sabato a martedì compreso.
E si pensava giustamente a cosa fare, a dove andare. E invece niente: siamo stati a casa.
Che poi non so se chi sta leggendo ha dei figli, ma anche se così non fosse vi posso dire una cosa io: con due bambine (o bambini che siano, anzi se sono maschi forse è peggio), chiuse in casa si rischia l'autocombustione da rincoglionimento.

Ma noi non ci siamo fatti scoraggiare e, visto che la pioggia imperversava su tutto il nord Italia, abbiamo deciso di rimanere a Milano. A fare cosa?
Avete presente quel mobile che avete sul terrazzo che primo o poi dovete buttare via? e fare ordine nei cassetti? e cambiare le sedie? e i giri in discarica? e - perché no - finire il libro di Palahniuk?

Ecco, questi quattro giorni li abbiamo trascorsi così. Per poi accorgersi che c'erano ancora alcune cose da fare. Sì perché in casa propria le cose da sistemare non finiscono mai.
E non abbiamo neanche minimamente pensato alla cantina, che è - a parte biciclette e albero di Natale - praticamente immutata dal giorno in cui ci siamo trasferiti. Li si rischia veramente di venire risucchiati.

Ma non c'è da preoccuparsi: le previsioni danno brutto tempo ancora per i prossimi due w/end.


in foto: il massimo della mia capacità manuale: montare le sedie dell'Ikea. 
Con l'immancabile brugola, ovviamònt.

2 commenti:

Sandro Roccia ha detto...

Mitica brugola ikea! Però... il mobile che staziona sul terrazzo da secoli, proprio quando piove vi decidete a smaltirlo? Qualcosa non torna... :)

massi ha detto...

"Sì perché in casa propria le cose da sistemare non finiscono mai."

quando mi tiri fuori queste chicche di filosofia casalinga mi ricordi Fabio Volo :P