22 novembre 2007

"Io ai gay piaccio molto"

Ho sentito pronunciare questa frase da diversi uomini un po' troppe volte.
E molte volte, a mio modo di pensare, a sproposito.
La qual cosa ovviamente mi impone una riflessione. Anzi, due.

La prima: ma tu, uomo che pronunci tale frase, hai così tanto bisogno di autostima da volermi sottolineare che non solo piaci alle donne (lo diamo tutti per scontato), ma fai strage anche tra gli uomini?

La seconda: ma sei sicuro di piacere ai gay? Sei proprio sicuro?
Perché io ho la presunzione di conoscerli (uno in particolare, che ho frequentato per anni, visto che era uno dei miei migliori amici) e ti posso assicurare che quando ti squadrano dalla testa ai piedi e insistono nel guardarti non è perché gli piaci. È il loro modo di essere (o sentirsi) superiori e di farti capire subito chi è dei due (tra te, che ti senti osservato, e lui, che ti osserva) che ha il controllo della situazione.
Ed è probabilissimo che mentre tu pensi di aver fatto colpo lui in quell'esatto momento stia pensando "ma come cazzo va in giro vestito 'sto qua?"



foto: New York, coreografie all'ultimo Gay Pride

5 commenti:

Anonimo ha detto...

ho fondate speranze in merito: che tra un paio di generazioni certi obblighi saranno superati e se uno è evidentemente gay non debba fare la wanda osiris per una sera solo per essere il primo ad aggredire.
che mi rompe il cazzo sopportarmelo magari.

seconda fondata speranza: che quanto detto da Aldo Busi venga preso in considerazione seriamente: ci vogliono le palle per prenderlo nel culo. e non scherzo, ci credo fermamente.
quante palle ci vogliono per affrontare una diversità? io mi imagino cosa dev'essere un bel giorno fare i conti con una realtà così, quindi massimi rispetto. altro che cantanti, registi e drogati vari.

ancora due o tre generazioni e tutte queste cagate saranno un ricordo, quello che fai a letto resta nel letto senza parate inutili. ma ti pare normale che passi inosservato un imprenditore MAFIOSO che all'età di mio padre sposa una che ha la mia età (in barba alla biologia cazzo! la biologia! anche Chaplin era uno stronzo. a una certa età basta figli cristo) e invece si scandalizzi per una roba che è del tutto normale da millenni?

dio che mondo di merda e pavidamente ipocrita.
Mau

dria ha detto...

Ecco, volevo fare una battuta del tipo: "E allora io che non piaccio neanche alle donne?". Invece poi Mau mi è entrato a gamba tesa e ho pensato al transessuale che ho visto un paio di mesi fa, in pieno centro a Genova, di giorno. Camminava spedito/a, guardando dritto davanti a sè, fasciato/a in un abitino scollato e abbastanza corto, nero.
Il mio primo pensiero, con mia stessa sorpresa, è stato: "Ma quanto coraggio ci vuole a sfidare così apertamente il disprezzo degli altri?". Mi è venuto quasi da fermarlo/a e fargli i complimenti; ma non l'ho fatto, solo perchè non volevo metterlo/a in imbarazzo costringendolo/a a fermarsi, e perchè mi sentivo veramente insignificante davanti ad una prova del genere.

Anonimo ha detto...

ma davvero ho scritto "pavidamente ipocrita"? gesù, mi sto gheizzando davvero!
Dria, la battuta ci sta dai! : )
mau

jumbolo ha detto...

bellissimo post e soprattutto straordinari commenti, vorrei sottolineare che probabilmente maurino per la prima volta ha scritto una cosa lunga e perfettamente lineare.

siamo tutti gay

Paola Guarneri ha detto...

ciao filippo,
sono paola tua ex studente dello ied.. non vale lamentarsi che non ti scrivo e poi non rispondere alle mail.. si può che per recuperarti ho dovuto recuperare il tuo blog... scusa il post-spam ma è stato l'unico modo per contattarti, vedi di farti vivo che ci tengo.. speriamo che tu legga questo commento...
un abbraccio